Manifesto delle Digital Humanities

Contesto

Noi, attori o osservatori delle Digital Humanities, ci siamo riuniti a Parigi in occasione del THATCamp dal 18 al 19 maggio 2010.

Nel corso di queste due giornate abbiamo discusso, dibattuto, riflettuto insieme su ciò che sono le Digital Humanities (Umanistica Digitale) e abbiamo tentato d’immaginare e d’inventare quello che potrebbero diventare in futuro.

A conclusione di queste due giornate, che rappresentano solo una delle prime tappe di un percorso, proponiamo alle comunità di ricerca e a tutti coloro che partecipano alla creazione, alla pubblicazione, alla valorizzazione o alla conservazione dei saperi un manifesto delle Digital Humanities.
I. Definizione

1. La svolta digitale della società esplora e modifica le condizioni di produzione e di diffusione dei saperi.

2. Secondo noi, le Digital Humanities riguardano l’insieme delle Scienze umane e sociali, delle Arti e delle Lettere. Le Digital Humanities non fannotabula rasa del passato. Si appoggiano, al contrario, sull’insieme dei paradigmi, dei saperi e delle conoscenze proprie di queste discipline, mobilitando gli strumenti e le prospettive peculiari del digitale.

3. Le Digital Humanities designano una “interdisciplina” che include metodi, dispositivi e prospettive euristiche legate al digitale nel campo delle Scienze umane e sociali.
II. Situazione

4. Constatiamo:

– che da mezzo secolo a questa parte si sono moltiplicate le sperimentazioni digitali nel campo delle Scienze umane e sociali digitali; che, negli ultimi tempi, sono apparsi dei centri di Digital Humanities, che sono tutti, attualmente, dei prototipi o dei luoghi d’applicazione specifica di un approccio metodologico delle Digital Humanities;

– che il digitale induce delle esigenze tecniche più forti e perciò delle implicazioni economiche per la ricerca; che questi vincoli sono un’opportunità per fare evolvere il lavoro collettivo;

– che esiste un certo numero di metodi sperimentati, ma che essi non sono conosciuti e condivisi allo stesso modo da tutti;

– che esistono diverse comunità particolari nate dall’interesse per pratiche, strumenti o oggetti trasversali (codifica delle fonti testuali, sistemi d’informazione geografica, lessicometria, digitalizzazione del patrimonio culturale, scientifico e tecnico, cartografia del web, ispezione dei dati, 3D, archivi orali, arti e letterature digitali e ipermediatiche, etc.) e che queste comunità stanno formando il campo delle Digital Humanities.
III. Dichiarazione

5. Noi, attori delle Digital Humanities, costituiamo una comunità di pratica ad accesso libero, che agisce in modo solidale, aperto e accogliente.

6. Siamo una comunità senza confini. Siamo una comunità multilingue e multidisciplinare.

7. Abbiamo come obiettivo il progresso della conoscenza, il rafforzamento della qualità della ricerca nelle nostre discipline, e l’arricchimento del sapere e del patrimonio collettivo, anche al di là della sfera accademica.

8. Invochiamo l’integrazione della cultura digitale nella definizione della cultura generale del XXI secolo.
IV. Orientamenti

9. Lanciamo un appello per il libero accesso ai dati e ai metadati. Questi ultimi devono essere documentati e interoperabili sia tecnicamente che concettualmente.

10. Siamo favorevoli alla diffusione, alla circolazione e al libero arricchimento dei metodi, del codice, dei formati e dei risultati della ricerca.

11. Facciamo appello per l’inserimento della formazione in Digital Humanities nell’ambito delle Scienze umane e sociali, nelle Arti e nelle Lettere. Invochiamo allo stesso tempo la nascita di titoli accademici specifici per le Digital Humanities e lo sviluppo di formazioni professionali ad essi dedicate. Auspichiamo, infine, che queste competenze siano prese in considerazione nel reclutamento professionale e nell’evoluzione delle carriere.

12. Ci impegniamo a costruire un vocabolario comune e una competenza collettiva grazie alla collaborazione di tutti gli attori. Tale competenza collettiva aspira a diventare un bene comune. Costituisce un’opportunità scientifica, ma anche un’opportunità d’inserimento professionale, in tutti i settori.

13. Ci auguriamo di partecipare alla definizione e alla diffusione di buone pratiche scaturite dal dibattito e dal consenso delle comunità coinvolte; tali pratiche corrispondono a dei bisogni disciplinari e interdisciplinari riconosciuti e devono poter evolvere. L’apertura fondamentale delle Digital Humanitiesassicura un approccio pragmatico di protocolli e di visioni, che mantengono il diritto alla coesistenza di metodi diversi e concorrenti per favorire l’arricchimento della riflessione e delle pratiche.

14. Facciamo appello alla costruzione di ciberinfrastrutture evolutive che rispondano a bisogni reali. Queste ciberinfrastrutture si costruiranno in modo iterativo e saranno basate sull’identificazione di metodi ed approcci sperimentati ed approvati dalle comunità di ricerca.

Traduction par Daniela Seidita


Vous aimerez aussi...